Pulizia degli apparecchi acustici: come effettuarla con i migliori prodotti

Pulizia degli apparecchi acustici

Gli apparecchi acustici rappresentano, per chi ha problemi uditivi, uno strumento indispensabile per interagire con gli altri, per sentirsi più sicuri e per tornare a vivere una vita serena. Proprio per questo, è molto importante prendersene cura e pulirli regolarmente. Come farlo in modo ottimale? Seguendo questa breve guida alla pulizia degli apparecchi acustici.

Quando dedicarsi alla pulizia degli apparecchi acustici

Poiché ogni giorno le protesi acustiche si possono sporcare con cerume e sudore, la manutenzione e la pulizia vanno effettuate quotidianamente per poter mantenere i dispositivi perfettamente funzionanti nel corso degli anni.

Per la pulizia professionale, da eseguire due volte all’anno, è invece consigliato rivolgersi al proprio centro acustico di fiducia.

Cosa usare per la pulizia degli apparecchi acustici

Per la pulizia dei dispositivi acustici è necessario utilizzare prodotti specifici e non ricorrere mai a detergenti o detersivi di uso domestico. Tali sostanze possono infatti aggredire e danneggiare le parti meccaniche interne. Allo stesso modo, anche l’acqua può causare danni alle componenti interne ed è quindi assolutamente da evitare.

In questa lista, ecco i principali prodotti per la pulizia degli apparecchi acustici e i consigli sul loro utilizzo.

Spray detergente

Lo spray detergente è un prodotto che igienizza e disinfetta gli apparecchi, eliminando tracce di cerume e sporco, ma anche germi e batteri. Inoltre, lascia un fresco e delicato profumo di pulito. Se ne consiglia l’uso al mattino, quando eventuali tracce di cerume sono già solidificate e più facilmente rimovibili.

Per un corretto utilizzo, occorre spruzzare il prodotto su un panno e pulire accuratamente l’apparecchio acustico. Servirsi poi di un tessuto pulito per asciugare le audioprotesi.

Salviette detergenti e disinfettanti

Le salviette detergenti sono un prodotto comodo da portare con sé per poter pulire gli apparecchi acustici in ogni momento, anche quando si è fuori casa: sono l’alternativa pratica e veloce allo spray detergente. Questi fazzolettini, sviluppati appositamente per dispositivi medici, sono imbevuti con un detergente non aggressivo che pulisce, igienizza, disinfetta e profuma le audioprotesi in modo efficace e sicuro.

Il loro utilizzo è molto semplice: basta strofinarle sugli apparecchi e ripassare un panno assorbente per asciugare tracce residue del prodotto.

Capsule disidratanti per deumidificazione e barattolo per asciugatura

A causa del fenomeno di condensa, alcune goccioline d’acqua o di sudore possono entrare all’interno dei dispositivi e, col tempo, danneggiarli. Le capsule disidratanti, grazie alla loro speciale formula, assorbono l’umidità, proteggendo l’apparecchio acustico e preservandolo nelle sue funzionalità.

Per un utilizzo corretto del prodotto, è necessario inserire una capsula disidratante nel bicchiere per l’asciugatura, posizionarvi gli apparecchi all’interno e lasciare agire per tutta la notte. L’efficacia di ogni capsula è di circa un mese, fino a quando non si noterà la perdita del colore bianco originario.

Stazione deumidificante

Un’alternativa alle capsule, molto più tecnologica, è il deumidificatore per apparecchi acustici. Questo strumento, grazie all’azione di aria leggermente calda in movimento, ha un potere essiccante che elimina ogni traccia di umidità in poco tempo. Il deumidificatore può essere utilizzato per qualsiasi tipo di audioprotesi e dura diversi anni.

Anche in questo caso è consigliabile procedere alla deumidificazione durante la notte, quando non si ha necessità di indossare gli ausili per l’udito. È sufficiente collegare il prodotto ad una presa USB e inserire gli apparecchi acustici nell’apposito vano: completato il ciclo di asciugatura di circa 4 ore, lo spegnimento avverrà automaticamente.

Come pulire le orecchie

Uno dei motivi principali per cui gli apparecchi acustici hanno bisogno di pulizia quotidiana è che entrano costantemente in contatto con il cerume presente all’interno delle orecchie. Per questo motivo, prima di indossare il dispositivo, è importante pulire accuratamente le orecchie ed in particolar modo il canale uditivo.

Al contrario di quanto si possa immaginare, l’utilizzo dei cotton fioc è fortemente sconsigliato poiché un movimento sbagliato potrebbe portare alla perforazione del timpano. Si raccomanda pertanto l’uso di uno spray auricolare cerumiolitico, una soluzione isotonica di acqua di mare e cloruro di sodio che rallenta la formazione di cerume. Il suo effetto emolliente ammorbidisce il cerume già presente, permettendone la rimozione, ed evita la formazione di un tappo. Inoltre, grazie alla particolare composizione chimica, allevia prurito e arrossamenti.

L’utilizzo è estremamente facile e sicuro ed è raccomandato anche per i bambini. Basta accostare il beccuccio dello spray al canale uditivo e premere per vaporizzare il prodotto. Lasciare agire per qualche secondo, eseguire un leggero massaggio auricolare e infine asciugare con un fazzoletto.

Quando affidarsi al centro acustico

Queste elencate finora sono le tecniche più adeguate alla detersione ed igienizzazione quotidiana dei propri apparecchi acustici, che si possono effettuare comodamente a casa. È tuttavia molto importante affidarsi periodicamente al centro acustico di fiducia per assicurarsi una pulizia più approfondita dei dispositivi.

Rivolgiti ad Acustica Campana per richiedere i prodotti necessari alla corretta pulizia degli apparecchi acustici. Nei nostri centri offriamo inoltre il servizio di igienizzazione degli apparecchi acustici con prodotti specifici e strumenti di ultima generazione. Il servizio è gratuito anche per chi ha acquistato le protesi presso altri centri.

0 comments on “Pulizia degli apparecchi acustici: come effettuarla con i migliori prodottiAdd yours →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *